La stagione fredda è arrivata. Le temperature si abbassano e l’asfalto si ghiaccia. Guidare d’inverno può essere problematico se non pericoloso. Per questo motivo è importante montare le gomme giuste. In questa piccola guida ti mostriamo tutto quello che devi assolutamente sapere sugli pneumatici invernali.

Come riconoscere le gomme invernali

I pneumatici invernali presentano un materiale speciale che consente di affrontare anche le temperature meno clementi. In particolare sono rivestiti di una speciale mescola più dura che non si deforma o perde attrito sull’asfalto ghiacciato. Il battistrada presenta, poi, un design caratterizzato da scolpiture e lamelle che aderiscono perfettamente sulla carreggiata, anche se questa presenta fogliame oppure è innevata. Se vedi il simbolo M+S /Mud & Snow) allora sei certo che hai montato i pneumatici invernali.

Per tirare le somme possiamo riassumere così i vantaggi delle gomme invernali.

  • maggiore sicurezza e maneggevolezza in condizioni estreme, proprio grazie alla loro conformazione strutturale
  • ridotta abrasione del battistrada in virtù della resistenza del materiale
  • risparmio economico perché la minore resistenza al rotolamento diminuisce gli sforzi del motore e assicura un chilometraggio più elevato

Quando vanno montati i pneumatici invernali

A regolare c’è una normativa specifica del codice della strada italiano che risale al 2010. L’obbligo di montaggio delle gomme scatta a partire dal 15 novembre e vale fino al 15 aprile. Dopo questa ultima data puoi tornare alle gomme estive, anche se non c’è l’obbligo, mentre l’alternativa al pneumatico nel periodo invernale è rappresentato dalle catene. C’è però da considerare che in alcune zone montane o d’alta quota ci sono delle deroghe particolari che anticipano e prolungano il periodo.

Le sanzioni per chi circola senza pneumatici invernali sono pesanti e variano a seconda della strada su cui si commette l’infrazione. Se invece il conducente monta gomme con codice inferiori rispetto a quelle indicate sul libretto dell’auto scatta una multa ancora più salata che può comportare anche il ritiro dello stesso libretto di circolazione.

Come guidare con pneumatici invernali

Se hai da poco montato le nuove gomme invernali devi però prendere qualche piccola precauzione. In particolare prima che aderiscano perfettamente al cerchione deve passare un po’ di tempo. Questo perché la “pasta” deve asciugarsi al 100%. Pertanto è importante evitare per i primi 300 km di stressare troppo il pneumatico invernale: quindi non fare sgasate, mantieni una velocità regolare, non accelerare e frenare bruscamente e non impegnare le curve con una guida troppo sportiva. Il rischio è che il cerchione si deteriori e debba essere riequilibrato.

Se stai cercando un servizio di equilibratura oppure di convergenza potresti dare un’occhiata qui

Un’altra cosa a cui devi prestare attenzione è la pressione di gonfiaggio. Se è bassa potresti perdere aderenza e il controllo dell’auto in curva. Al tempo stesso anche se è troppo alta puoi danneggiare i pneumatici invernali centralmente e pregiudicare la sicurezza della guida.

Come riconoscere i pneumatici di qualità

Se stai cercando un criterio per capire se hai acquistato pneumatici invernali o 4 stagione di qualità devi guardare…il fiocco. No, non è uno scherzo, ma se vedi il disegno di una montagna a 3 cime che ospita al suo interno un fiocco di neve allora sei sicuro che rispetta lo standard qualitativo a norma di legge.

Se vuoi essere ancora più preciso, è importante che il battistrada del pneumatico invernale mostri una profondità di almeno 4 mm. Non è scritto sul codice della strada, ma si tratta di un accorgimento importante per evitare slittamenti e la perdita di controllo del veicolo. Del resto guidare in sicurezza è importante sia in inverno sia in estate per non mettere a rischio te stesso, i tuoi cari e chi incrocerai sulla carreggiata.